La recente performance del mercato azionario ha contribuito allo scivolamento della Bitcoin?

La recente performance del mercato azionario ha contribuito allo scivolamento della Bitcoin?

Tutti i mercati finanziari hanno registrato una significativa volatilità nel 2020. Ma le quotazioni in borsa significano necessariamente che Bitcoin e altri asset cripto seguiranno l’esempio?

Gli investitori azionari avranno notato un aumento della volatilità del mercato azionario negli ultimi tempi, con indici come il Nasdaq 100, guidato dalla tecnologia, che ha visto un giro sulle montagne russe per tutto il 2020. Le azioni sono state scambiate in un clima di incertezza e volatilità, in cui le azioni sono minate dalla mancanza di correlazione tra il prezzo e gli utili sottostanti della società.

Tutti i principali indici azionari statunitensi hanno chiuso di nuovo al ribasso mercoledì, mentre gli investitori si preoccupano della messaggistica mista intorno ad ulteriori aiuti coronavirus, dell’aumento dei casi di COVID-19, del potenziale di elezioni contestate negli Stati Uniti e delle notizie secondo cui i giganti bancari globali hanno aiutato i criminali a riciclare il denaro sporco.

L’S&P 500 è sceso del 2,4%, la media industriale di Dow Jones è scesa dell’1,9% e il Nasdaq Composite è sceso del 3%.

Nonostante un tentativo di rimbalzo dai livelli di ipervenduto, i mercati azionari sono sulla buona strada per avere la prima chiusura mensile ribassista da marzo. Ciò significa che gli asset a rischio, come Bitcoin Trader e crypto, saranno probabilmente venduti se i mercati azionari scivoleranno ulteriormente.

La vulnerabilità sottostante delle azioni e il continuo impatto socio-economico di Covid-19 rimane una minaccia enorme per gli investitori.

Alcuni commentatori del mercato ritengono inoltre che l’ulteriore declino del Nasdaq potrebbe far precipitare un’ulteriore caduta del prezzo del Bitcoin. Ma è davvero così, e cosa dovrebbero cercare gli investitori in termini di correlazione?

Aumento della volatilità del mercato azionario

Questo mese è stato particolarmente volatile per gli investitori del Nasdaq, con l’11 settembre che ha visto l’indice registrare il suo record del 9,2%.

Tuttavia, il valore cumulativo e la performance del Nasdaq 100 era ancora in crescita di oltre il 70% dal suo minimo di marzo, quando il mercato azionario è crollato, quando l’OMS ha confermato che il coronavirus era ufficialmente una pandemia globale.

Naturalmente, le azioni sono state direttamente influenzate dall’impatto socio-economico di Covid-19, con il sentimento, il volume e i valori azionari che sono crollati sullo sfondo di una perdita di posti di lavoro su larga scala.

Più di recente, indici come il Nasdaq 100 sono stati ostacolati da deludenti richieste di disoccupazione e da un numero stagnante di posti di lavoro creati, con più di 29 milioni di americani che ricevono ancora una qualche forma di beneficio a seguito di una perdita o di una riduzione dell’occupazione.

Edward Moya di Oanda ha suggerito che gli investitori hanno successivamente rivolto la loro attenzione al recente incontro della Fed e hanno riposto le loro speranze nella capacità del Congresso di accettare un valido pacchetto di stimoli per il coronavirus. Tuttavia, queste speranze sono state deluse dal fallimento dei Repubblicani e dei Democratici nel raggiungere qualsiasi forma di accordo.

I negoziati tra Repubblicani e Democratici su un pacchetto di stimolo più ampio si sono arenati, peggiorati dalla situazione politica di alta posta in gioco che si è venuta a creare dopo la morte del giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg. Tuttavia, i Democratici hanno detto che avrebbero spinto per nuovi controlli di stimolo e con le elezioni che si profilano, i Repubblicani potrebbero essere ancora ricettivi.

Il declino del mercato azionario è stato trainato anche dalla recente notizia che la conglomerata multinazionale giapponese SoftBank ha piazzato enormi e rischiose scommesse di opzioni su azioni tecnologiche.

Si pensa che tale speculazione abbia artificialmente gonfiato la performance del Nasdaq e delle sue azioni durante un pronunciato rally in agosto, aggravando un problema più ampio che ha spinto le azioni tecnologiche ad aumentare i titoli nonostante la relativa stagnazione degli utili per tutto il 2020.

Che impatto ha il mercato azionario su Bitcoin?

Nel 2020 la performance del Nasdaq, e dell’S&P 500 è stata tracciata dal valore del Bitcoin, suggerendo un alto livello di correlazione al momento attuale.

Nel corso degli ultimi tre mesi, Bitcoin e le azioni si sono mosse in gran parte in sincronia, e molti prevedono che questa tendenza continuerà anche nel quarto trimestre. L’avvicinamento alle elezioni americane potrebbe essere particolarmente impegnativo per gli investitori, con il mercato azionario globale pronto per una grande correzione a breve termine.

Ciò potrebbe incoraggiare gli investitori ad adottare una posizione di vendita allo scoperto entro la prossima settimana o giù di lì, mentre molti potrebbero anche assumere un approccio più avverso al rischio, dato che entrambi i mercati rimangono vincolati da una diffusa incertezza.

Per gli investitori Bitcoin con una forte convinzione e un orizzonte temporale a lungo termine, il quarto trimestre potrebbe fornire ulteriori opportunità di acquisto.